Gli italiani non sanno leggere ma nemmeno guardare

4 Novembre 2019
168 Visualizzazioni

 

 

Come ha fatto un politico di professione alla guida di un partito che nel 2013 era crollato al 3%, e che per tutta la sua carriera ha propagandato odio e disprezzo verso gli italiani e i meridionali, a convincere in 5 anni il 17% degli italiani e dei meridionali a dimenticare tutto e a votare per lui?
Fino a essere considerato il più grande patriota italiano vivente?

E come ha fatto quel 17% a diventare il 38% in un solo anno di governo, se durante quell’anno di governo quel leader non ha mantenuto una sola delle promesse fatte?
Non ha abolito la Fornero, non ha espulso i 100mila clandestini all’anno promessi (ma solo 9.000, meno di qualunque altro governo di sinistra), non ha realizzato la Flat tax, non ha abolito una sola accisa sul carburante, ha rinnegato l’uscita dall’Euro, ha rinnegato l’uscita dall’Europa, ha nominato premier un tizio che nessuno aveva mai visto prima anche se diceva “mai più premier non eletti”, si è alleato coi 5Stelle anche se diceva “mai coi 5Stelle”, ha varato il Reddito di cittadinanza anche se diceva “mai Reddito di Cittadinanza”, coi porti chiusi ha bloccato in 14 mesi solo 4 navi Ong lasciando attraccare le altre centinaia di barchini arrivati ogni giorno, non ha abolito le indagini a carico di chi spara per legittima difesa, ecc.

Eppure gli italiani, anziché accompagnarlo alla frontiera con un foglio di via, hanno cominciato ad adorarlo sempre di più. E più falliva e più lo amavano. Diventando, i suoi fan, sempre più numerosi.

Perché? Perché la percezione conta più della realtà. E se la realtà puoi cambiarla solo con i fatti, la percezione puoi plasmarla come e quando vuoi. Anche con un clic, come dimostra l’ultima puntata di Report su Rai3, che invito a vedere, e di cui riporto qui solo alcuni frammenti.

 

Tutti gli articoli presenti sono provvisti di relativa fonte. Ovviamente non rispecchiano nulla che abbia passato il metodo scientifico. Non funzionano.Il consiglio che vi do è di affidarvi sempre e comunque alla scienza ufficiale. "Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)

Lascia un Commento